wall streetWall Street è appassionata dalla marijuana

I partecipanti al World Congress tenutosi a Los Angeles, stavano ascoltando una delle conferenze inaugurali quando una notizia ha iniziato a saltare sui telefoni. La (Food and Administration) federale ha recentemente approvato un nuovo prodotto chiamato Epidiolex per il trattamento dell’epilessia. Il farmaco è basato sul CBD, un composto di cannabis con proprietà analgesiche. Le azioni della società che lo produce, GW Pharma, sono aumentate del 6,2%. In particolare, il regolatore è venuto a dire che i farmaci approvati con CBD saranno considerati nella categoria minima di pericolo. Una voce correva attraverso la stanza, seguita da applausi.

Per i presenti a questo incontro biennale delle industrie legate alla cannabis la notizia è stata un nuovo segno, ancora una volta, che sono nel giusto business al momento giusto La riclassificazione della sostanza della CBD si aggiunge ad un’altra serie di passaggi, come l’interesse dei grandi conglomerati di bevande nel mercato dei derivati ​​della e della cannabis, oltre alle grandi banche di Wall Street che stanno studiando da vicino l’industria.

Da due anni ormai aspiranti milionari di marijuana citano il 2018 come l’anno in cui tutto cambierà grazie alla legalizzazione dell’uso ricreativo in , il più grande mercato legale al mondo con 39 milioni abitanti, e in . E infatti, tutto sembra in procinto di cambiare. Ma allo stesso tempo il nuovo regolamento non arriva veloce come sembra essere la crescita accelerata del business.

La legalizzazione della sostanza in Canada è una calamita per gli investimenti

wall street

Lo scorso luglio, la canadese Tilray è diventata la prima società quotata sul Nasdaq a produrre marijuana per uso medicinale. Ha debuttato a $ 17. Questa settimana è stata superiore a $ 130 per azione. Lo scorso agosto, il gigante delle bevande Constellation Brands (Corona, Modelo, Pacífico, Svedka vodka, Casa Noble tequila, vino Meiomi) ha annunciato un investimento di 4.000 milioni di dollari in Canopy Growth, una compagnia canadese di cannabis. Questa è la più grande scommessa che l’industria della marijuana abbia mai visto finora. Per confrontare, è l’importo con cui la Disney ha acquistato il Star Wars.

NOTIZIA COLLEGATA
I Simpson hanno azzeccato la previsione della legalizzazione in Canada

Tutto questo accade in Canada, che il 17 ottobre legalizzerà anche la marijuana “per uso adulto”, come l’industria richiede per uso ricreativo. . È il secondo paese a farlo, dopo l’. Negli Stati Uniti, la marijuana continua ad essere un farmaco vietato a livello federale con la stessa classificazione dell’eroina. Ciò significa che le banche non possono lavorare con quel business. Ma in Canada, sì.

“La cosa più interessante del business Constellation è che Goldman Sachs e Merryl Lynch lo hanno fatto”, ha detto Sumit Mehta, fondatore e CEO di Mazakali, in un’intervista, una piattaforma per fornire consigli agli investitori di marijuana. “Non c’è dubbio che, appena possibile, lo faranno negli Stati Uniti.”

Senza effetti psicoattivi

La stessa cosa sembrano pensare gli altri giganti delle bevande. Coca-Cola sta parlando informalmente con Aurora Cannabis per studiare prodotti con CBD (la componente rilassante e analgesica della cannabis e della , che non ha effetti psicoattivi). Il birrificio Molson Coors ha già raggiunto un accordo con la società Hexo per sviluppare questo tipo di bevande. Un altro produttore di birra, Lagunitas, ha già rilasciato Hi Fi Hops, che è acqua con gas ed estratti di cannabis.

Il consulente Arcview anticipa che questo mercato si sposterà di 32.000 milioni di dollari nel 2022

Gli ultimi dati di Arcview, una delle consulenze di riferimento, rivela una spesa globale per marijuana legale di 9.500 milioni di dollari nel 2017 (8.500 negli Stati Uniti, 600 in Canada e 400 nel resto del mondo). La previsione di Arcview è di raggiungere 12,9 miliardi quest’anno e continuare a crescere a quel ritmo fino a 32.000 milioni nel 2022. Nel 2018, il numero di adulti con accesso alla marijuana legale per uso ricreativo è aumentato da 17 milioni (cinque Stati USA). più Uruguay), a 47 milioni, con l’incorporazione della California il 1 gennaio. Questo mese di ottobre, quando verrà aggiunto il Canada, saranno 75 milioni.

NOTIZIA COLLEGATA
Adidas lancia le sneakers 'Happy 420' complete di utili scomparti nascosti

Il più grande mercato di consumo è la California, ma non è del tutto legale. Il prodotto è stato iper-regolato e i permessi essenziali per il business dipendono dalla giurisdizione locale. Il 70% dei comuni della California non consente ancora la coltivazione e la vendita generale. “Lo Stato produce 6.300 chili di marijuana e ne consuma solo 900 legalmente”, dice Mehta per dare un’idea dello scompenso del mercato. Gli investimenti del Canada sono la leva con cui l’industria ritiene che finirà di cambiare il regolamento. Con la sua legalizzazione “vedremo il più grande mercato al mondo (California) con il più grande mercato finanziario di marijuana del mondo (Canada).”

“Non possiamo pensare che Constellation abbia fatto un investimento del genere pensando solo a il mercato canadese “, ha dichiarato giovedì Troy Dayton, fondatore di Arcview. La partecipazione dei due giganti di Wall Street nel business “è stato un segnale al mercato che le acque sono sicure”. Un segnale potente per un’industria in cui “ti svegli ogni mattina sapendo che stai commettendo un crimine federale”.

Sumit Mehta raccomanda la persistenza degli investitori. “I cambiamenti legali devono raggiungere la coltivazione, l’estrazione, la distribuzione, la vendita al dettaglio, i test di laboratorio … abbiamo migliaia di richieste. Ci vuole più tempo di quanto ci si aspetti la maggior parte degli ottimisti, ma non è sorprendente “, afferma Mehta. “Le previsioni sono altrettanto buone. Questo è un business di miliardi. Non è legale. ”

Source link

Rate this post