Upperground - Opere e testi contro il proibizionismoUpperground – Opere e testi contro il

a cura di Leofreddi Emilio, Buccolieri “Mefisto” Alessandro

2005 pp.192 con 32 tavole a colore

Le droghe non sono vietate perché pericolose, ma pericolose perché vietate.

Underground stava a indicare quel mondo un po’ sommerso,forse più un modo di vivere, che dalla beat generation ha tratto ispirazione. Upperground, proponendo opere d’arte, testi poetici e in prosa, vuole ridare cittadinanza a quella fetta d’umanità con l’intento di abbattere il cadavere dell’ipocrisia proibizionista che già troppe tragedie ha fin qui prodotto.

Il volume raccoglie in una quarantina di tavole a colori le opere che importanti artisti italiani ed esteri hanno dedicato alla campagna antiproibizionista, oltre a testi poetici e letterari che riguardano lo stesso argomento.

Completano il volume saggi di psicanalisti, sociologi, medici e attivisti impegnati nel movimento antiproibizionista che fanno il punto sull’uso delle sostanze stupefacenti e sulla disastrosa repressiva espressain Italia dalla Fini.

In allegato, il Dvd “Siamo Fatti Così”, un ironico prodotto da M.D.M.A. e realizzato dal gruppo di filmmaker indipendenti Polivisioni, nel quale l’irriverente Roberto “Freak” Antoni denuncia le contraddizioni del proibizionismo sulle droghe, e l’anacronismo pericolosamente repressivo della italiana.

NOTIZIA COLLEGATA
Marijuana, la medicina proibita di Lester Grinspoon e James B. Bakalar (pdf)
[_link asins=’B01HQFD864,8872853923,B0000242QK’ template=’ProductCarousel’ store=’1besoffnet-21′ marketplace=’IT’ link_id=’c056c65e-5cd6-4632-9ccf-cdb89af1452b’]

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.