This post is also available in: enEnglish (Inglese)

cannabis relieve constipation

La cannabis può alleviare la stitichezza?

Uno dei tanti utilizzi terapeutici della cannabis è quello per il trattamento dalla stitichezza. I dolori addominali e i problemi di evacuazione spesso possono essere risolti con la . Diamo un’occhiata alle cause della costipazione e al potenziale effetto benefico della cannabis contro questo disturbo.

La stitichezza è spesso un argomento tabù per molte persone. Inoltre, è un problema difficile da trattare. Non si tratta di una vera e propria malattia, ma piuttosto di un sintomo causato da vari fattori.

Lo stress, la sindrome dell’intestino irritabile, e persino alcune patologie neurologiche possono influenzare il corretto funzionamento dell’apparato digerente. La stitichezza può essere provocata anche da eventi come il ciclo mestruale o un’alimentazione povera di fibre.

La costipazione rende difficile e poco frequente l’evacuazione delle feci, che talvolta avviene meno di due volte alla settimana. Se vi capita di avere difficoltà di evacuazione più del 25% delle volte, o se avete bisogno di recarvi in bagno a più riprese per svuotare completamente l’intestino, dovreste prendere in considerazione qualche rimedio contro la costipazione.

COMBATTERE LA STITICHEZZA

Per garantire una corretta idratazione dei tessuti dell’organismo e un buon apporto di fibre durante la giornata, è necessario apportare delle modifiche alla propria dieta. Chiedete informazioni al vostro riguardo eventuali condizioni, allergie e intolleranze alimentari che potrebbero causare stitichezza.

Per gestire i sintomi della costipazione, lo specialista potrebbe consigliarvi di assumere marijuana terapeutica. La cannabis viene usata soprattutto nei casi più gravi di , come il morbo di Crohn. Questa malattia genera delle feci quasi completamente liquide.

In caso di costipazione, i vostri escrementi potrebbero essere alternativamente molto duri e difficili da espellere, o particolarmente molli o acquosi. Nelle vostre viscere è presente un accumulo di sostanze di scarto, e per poterle eliminare è necessario che l’intestino sia rilassato. In questo caso la marijuana può risultare davvero molto utile.

NOTIZIA COLLEGATA
Coca Cola potrebbe lanciare sul mercato una bibita alla marijuana

can-cannabis-relieve-constipation-1

L’EFFETTO DELLA MARIJUANA SULLA COSTIPAZIONE

La marijuana agisce come lassativo, e allo stesso tempo attenua i sintomi di dolore e disagio. Spesso, una buona dose di THC è in grado di rilassare efficacemente il tratto digestivo. Quando il THC e altri cannabinoidi vengono assorbiti dall’organismo, essi raggiungono attraverso il flusso sanguigno, e influenzano il sistema neurologico. Alcune ricerche hanno scoperto che la cannabis in pratica stimola vari neuroni e favorisce il flusso dei segnali neuronali.

Agendo sull’intero , i cannabinoidi riescono a facilitare le connessioni nervose, rilassando contemporaneamente mente e muscoli. Essi hanno anche un effetto antiemetico e sono in grado di stimolare l’appetito.

Il CBD, anche sotto forma di olio isolato, potrebbe essere un trattamento efficace grazie ai suoi effetti ansiolitici. Quando i muscoli e i nervi coinvolti nei movimenti intestinali sono completamente rilassati, il di scarto potrà essere espulso con più facilità.

La cannabis possiede anche proprietà antiossidanti, e potrebbe quindi aiutare a disintossicare l’organismo e ripristinare un equilibrio nel processo digestivo.

can-cannabis-relieve-constipation-2

FUMARE LE CIME O INGERIRE SEMI DI ?

Alcune specifiche varietà, da fumare o vaporizzare, vengono da tempo associate al trattamento della stitichezza (ad esempio Haze Berry o Shining Silver Haze). Anche la fibra di sembra possedere valide proprietà antiemetiche. L’utilizzo della cannabis come erba medicinale risale a migliaia di anni fa. Le prime testimonianze scritte sono state rinvenute in Cina. Qui, i semi di venivano prescritti per il trattamento della stitichezza e di altri disturbi. L’efficacia della cannabis come lassativo è stata recentemente confermata anche da uno studio pubblicato nell’American Journal of Gastroenterology.

La marijuana è presente in molti altri sistemi medici asiatici, come la Ayurvedica indiana. Dall’Asia, queste terapie alternative si sono diffuse in tutto il mondo. Nel corso di tutta la storia dell’umanità, la ganja è stata considerata un’erba terapeutica molto potente. Se avete la possibilità di procurarvene un po’ in tutta sicurezza, questa pianta potrebbe rivelarsi la giusta per voi.

NOTIZIA COLLEGATA
Cannabis medica: guida per ottenere la prescrizione e l’accesso al farmaco
Rate this post

This post is also available in: enEnglish (Inglese)