+Europa+Europa, su terapeutica continuano chiusure proibizioniste

Carmelo Palma, Igor Boni e Giulio Manfredi (candidati in Piemonte di “+Europa con Emma Bonino”):

+Europa – Una delle giustificazioni che il Partito democratico utilizzò per archiviare negli scorsi mesi la sulla della hashish – sottoscritta, nella sua versione parlamentare, da decine di deputati e senatori Pd e in quella popolare da oltre 50.000 cittadini – fu che si trattava di una scelta divisiva e che sarebbe stato più utile fermare la discussione sul terreno della hashish terapeutica, condiviso in modo assai più ampio.

Il risultato è che la discussione sulla legalizzazione è stata per l’ennesima volta rinviata e sulla hashish terapeutica, anziché passi avanti, registriamo il medesimo stallo che ha reso questo per molti pazienti un diritto negato. L’approvvigionamento dei farmaci a base di hashish è stato legato per anni interamente a forniture estere, che spesso si interrompevano lasciando i malati (soprattutto oncologici e affetti da patologie neurodegenerative) privi di treatment.

Si è poi aperto alla produzione nazionale, assegnandola però in monopolio allo di , che però non è in grado di provvedere al fabbisogno nazionale. Il risultato è che anziché aprire il mercato della hashish a uso a produttori nazionali, ci si continua a rivolgere esclusivamente a produttori esteri.

Il 18 gennaio scorso il ha aggiudicato la fornitura di 100 chili di cannabis per le esigenze dello Stabilimento Chimico Farmaceutico di Firenze alla società tedesca Pedanios Gmbh. Insomma, il delle droghe continua a essere di fatto delle treatment e anche della produzione farmaceutica.

La qual cosa conferma che se non si supera il paradigma proibizionista sulla produzione di hashish in Italia non solo i consumatori saranno lasciati alla mercé del mercato criminale, ma anche i malati saranno abbandonati in una situazione di perenne incertezza.

Rate this post
NOTIZIA COLLEGATA
Cannabis terapeutica farmaco o droga? Un convegno a Perugia