This post is also available in: English (Inglese)

What is the endocannabinoid system and how does it work?What is the endocannabinoid system and how does it work?

Cos’è il sistema endocannabinoide e come funziona?

I ricercatori scoprirono per la prima volta il sistema endocannabinoide nel corso di alcuni studi sugli effetti della Cannabis sul corpo umano. Sebbene non siano ancora stati compresi tutti i suoi processi, sappiamo per certo che nel nostro corpo sono presenti milioni di recettori di cannabinoidi che interagiscono con molecole prodotte dal nostro stesso organismo, le cui strutture assomigliano a quelle di altri composti contenuti nella pianta di Cannabis (i diretti responsabili dei suoi effetti sul nostro corpo e mente). Vi siete mai chiesti cos’è che rende così efficace la Cannabis all’interno del nostro organismo? Ebbene, il sistema endocannabinoide!

Fin dalla sua scoperta, il sistema endocannabinoide è diventato l’obiettivo primario della ricerca medica, a causa dei suoi effetti e proprietà terapeutiche potenzialmente benefiche per la salute umana.

CHE COS’È IL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE?

Il termine “endo” è l’abbreviazione di endogeno, ovvero originario o prodotto all’interno di un organismo, un tessuto o una cellula. “Cannabinoide” si riferisce invece al gruppo di composti capaci di attivare questo particolare sistema.

Immaginate i recettori del nostro corpo come un insieme di serrature, ciascuna delle quali dotata di uno specifico set di chiavi: molecole chimiche chiamate “agonisti”. Ogni volta che un agonista si lega ad un recettore viene generata una risposta, un messaggio con una specifica istruzione per la cellula. Il Sistema Endocannabinoide (SEC) è costituito da due specifici primari: CB1 e CB2. Gli agonisti, o chiavi, per questi recettori di cannabinoidi sono prodotti dal nostro corpo (endocannabinoidi), ma sono anche presenti in altre fonti esterne al nostro corpo, come nella Cannabis (fitocannabinoidi).

CANNABINOIDI

I cannabinoidi sono i messaggeri chimici naturali del nostro corpo. Sebbene ve ne siano di diversi tipi, tutti rientrano in due grandi categorie: “Endogeni” ed “Esogeni”.

Endogeni: “Endo” significa che viene originato all’interno del corpo. I cannabinoidi endogeni sono prodotti naturalmente dal nostro organismo ed interagiscono con i per regolare diverse funzioni di base, come umore, appetito, , sonno ed altro ancora.

NOTIZIA COLLEGATA
Terpeni: come funzionano e i loro effetti

Esogeni: Questi cannabinoidi provengono da una fonte esterna al nostro corpo. Si trovano comunemente nella Cannabis, come il tetraidrocannabinolo (THC) e il cannabidiolo (CBD). Quando vengono assunti, interagiscono con il SEC producendo effetti fisici e psicologici all’interno dell’organismo.

RECETTORI DEI CANNABINOIDI

Il sistema endocannabinoide è il nome che definisce una serie di specifici recettori che rispondono ad un certo tipo di agonisti. Il SEC è composto da due recettori cellulari primari: il Recettore di Cannabinoidi 1 (CB1) e il Recettore di Cannabinoidi 2 (CB2). Le “chiavi” compatibili con queste due “serrature” sono gli endocannabinoidi, o cannabinoidi. I recettori dei cannabinoidi possono accogliere diversi tipi di cannabinoidi. Quando entrano in contatto, l’interazione tra i due produce determinati effetti all’interno del nostro corpo.

CB1

Questi recettori sono distribuiti in tutto umano, ma sono presenti soprattutto all’interno di cervello e midollo spinale. Si concentrano principalmente nelle aree associate ai comportamenti da loro stessi innescati, come nell’ipotalamo, coinvolto nella regolazione dell’appetito, e nell’amigdala, che svolge un importante ruolo nei processi mnemonici ed emotivi. Possiamo trovare i recettori CB1 anche nelle terminazioni nervose, dove agiscono riducendo la sensazione del dolore.

CB2

Questi recettori sono concentrati nelle cellule del nostro sistema immunitario e del periferico. Quando vengono attivati, agiscono riducendo le infiammazioni, come risposta immunitaria. È ormai ampiamente riconosciuto il loro ruolo nelle risposte immunitarie del nostro organismo nel contrastare malattie ed altri problemi di salute.

ENDOCANNABINOIDI

I cannabinoidi prodotti naturalmente all’interno del corpo umano vengono chiamati endocannabinoidi. Queste molecole sono prodotte dagli acidi grassi, come gli omega-3. I due più importanti e conosciuti sono:

  • Anandamide: Il primo endocannabinoide scoperto dagli scienziati. Il suo nome deriva dal termine “ananda”, una parola sanscrita che significa benessere, gioia. Si trova in concentrazioni più elevate intorno alle zone del corpo più distanti dal cervello.
  • 2-AG (2-arachidonoilglicerolo): Presente in concentrazioni più elevate nel cervello.

Anandamide: The first endocannabinoid discovered by scientists. Its name comes from the Sanskrit word “ananda” meaning bliss. It is found at higher concentrations around areas of the body away from the brain.

Questi endocannabinoidi sono chiamati neurotrasmettitori a “rilascio puntuale” perché sintetizzati solo quando il corpo li richiede. Dopo essere stati rilasciati, vengono rapidamente metabolizzati da alcuni enzimi, come il FAAH (Amide Idrolasi degli Acidi Grassi) e il MAGL (Monoacilglicerolo Lipasi).
Esistono molti altri endocannabinoidi, come la noladina, la virodomina e l’n-arachidonoildopamina (ADA), ma il loro preciso ruolo all’interno del nostro corpo non è ancora del tutto chiaro.

NOTIZIA COLLEGATA
Cannabis boom di startup negli Usa

Il nostro corpo produce endocannabinoidi con il fine di innescare determinate funzioni e reazioni corporee. Ethan Russo, consulente senior presso la GW Pharmaceuticals, ritiene che “una carenza nei livelli dei cannabinoidi può causare numerosi problemi all’interno del nostro organismo”. Ciò significa che potrebbero sorgere alcune condizioni debilitanti legate ad un mal funzionamento del sistema endocannabinoide, come il dolore cronico o la fibromialgia.

CANNABINOIDI ESOGENI

A differenza degli endocannabinoidi, i cannabinoidi esogeni, come quelli presenti nelle piante di Cannabis, possono entrare nel nostro organismo e rimanere attivi per periodi di tempo molto più lunghi.

Ciò ha un effetto nettamente superiore sull’attivazione del sistema endocannabinoide (SEC), permettendo ai suoi processi di lavorare con molta più efficacia ed impeto di quanto non riescano a fare normalmente.

THC

La ricerca ha dimostrato che il cannabinoide THC si lega ad entrambi i recettori (CB1 e CB2), attivando in ambo i casi il sistema endocannabinoide.

Gli effetti del THC sono comunemente considerati psicologici, ma il composto in sé ha la capacità di provocare effetti che vanno ben oltre il semplice “high” normalmente associato alla marijuana. Può agire positivamente su dolore cronico, , appetito, asma e glaucoma. Inoltre, è stato dimostrato che ha proprietà benefiche contro il cancro ed effetti simbiotici sul corpo quando viene assunto insieme al CBD.

CBD

Il CBD non ha la capacità di legarsi a tutti i recettori, ma agisce inibendo l’enzima FAAH. Ciò previene e rallenta l’abbattimento dell’anandamide, uno degli endocannabinoidi più importanti del nostro corpo. Il risultato è un accumulo di anandamide nel cervello.

Se da una parte il THC provoca effetti psicoattivi a livello cerebrale, dall’altra il CBD agisce a livello corporeo. Tuttavia, la ricerca sui possibili benefici terapeutici di quest’ultimo cannabinoide è solo agli inizi. Oggi sappiamo per certo che aiuta nelle terapie per trattare alcuni problemi di salute gravi, inibendo la crescita di , riducendo e prevenendo le infiammazioni, la nausea, il diabete, il DPTS, la schizofrenia, l’ reumatoide, l’epilessia e le malattie cardiovascolari. Inoltre, ha dimostrato di avere efficaci proprietà antipsicotiche, ansiolitiche ed antidolorifiche contro spasmi muscolari o dolori neuropatici.

NOTIZIA COLLEGATA
Che impatto ha la cannabis sulla nostra motivazione?

FUNZIONI DEL SISTEMA ENDOCANNABINOIDE

Ma come fa ad avere un raggio d’azione così ampio? Ebbene, il sistema endocannabinoide regola essenzialmente tutte le funzioni ed i processi di base del nostro corpo, il che significa che agisce direttamente su:

  • Umore
  • Sonno
  • Appetito
  • Metabolismo
  • Dolore
  • Memoria
  • Funzioni immunitarie
  • Infiammazioni
  • Funzioni neuroprotettive e di sviluppo
  • Digestione
  • Riproduzione

I recettori dei cannabinoidi sono presenti in tutte le zone del nostro corpo. I recettori CB1 sono presenti in concentrazioni più elevate nel sistema nervoso centrale, mentre i CB2 sono più frequenti all’interno delle cellule immunitarie, nel tratto gastrointestinale e nel sistema nervoso periferico. Ciò dovrebbe darvi un’idea dell’immensa varietà di funzioni che può compiere il sistema endocannabinoide all’interno del nostro organismo.

Alcuni studi hanno dimostrato che le persone affette da Parkinson, artrite e dolore cronico tendono ad avere livelli di endocannabinoidi più alti all’interno del proprio corpo. Analogamente, si trovano alti livelli di recettori di cannabinoidi nelle cellule tumorali. Ciò suggerisce che il sistema endocannabinoide possa avere la funzione di regolare l’omeostasi, ovvero la capacità di un organismo di mantenere stabili gli equilibri interni, regolando i processi fisiologici.

CANNABINOIDI COME MEDICINA
Il sistema endocannabinoide sta attirando sempre più interesse da parte di scienziati, medici e ricercatori. Si tratta di un complesso sistema che svolge diversi ruoli vitali nel nostro corpo.

Finora, la Cannabis terapeutica rimane la scelta più diretta per apportare cannabinoidi all’interno del sistema endocannabinoide in ambito medico. I cannabinoidi esogeni, come il THC ed il CBD, sono noti per produrre un’ampia varietà di effetti terapeutici, interagendo con il sistema endocannabinoide. È per questo motivo che rientrano tra le medicine più comunemente prescritte in tutto il mondo.

sistema endocannabinoidesistema endocannabinoidesistema endocannabinoidesistema endocannabinoidesistema endocannabinoidesistema endocannabinoidesistema endocannabinoidesistema endocannabinoide

 

 

This post is also available in: English (Inglese)

1 COMMENT

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.