Cannabis light che succede che succede dopo il no del CSS ?

Il parere del Css sulla light non cambia la : è ancora possibile acquistarla. I legali dei produttori, però, sono già pronti a dare battaglia

Cannabis Light, ma ora che succede? Cosa cambia dopo che il ha espresso un parere contrario alla vendita? All’atto pratico, nulla. “Questo parere, per quanto autorevole, non ha un valore inibitorio. Oggi posso tranquillamente comprare cannabis, ovviamente alle condizioni stabilite”. Ovvero una concentrazione di Thc inferiore allo 0,6%.

A parlare è l’avvocato Lorenzo Simonetti, titolare insieme al collega Claudio Miglio di uno studio legale che segue diverse aziende produttrici della cannabis light. Realtà che, per ovvie ragioni, non hanno accolto con favore il parere espresso dal Css. Il quale, sottolinea il legale, “omette di considerare che oggi a livello di direttive europee l’effetto psicotropo per una concentrazione inferiore allo 0,2% non esiste. E che se fino ad oggi in Italia è stato permesso quello che è stato permesso è perché è scientificamente accertato che fino allo 0,5% la cannabis non ha effetto psicotropo”.

La novità è che “un giudizio amministrativo, per quanto autorevole, dice il contrario”. Nello specifico, il Consiglio superiore di sanità afferma che non ci sono studi sui possibili effetti su alcune categorie. Come anziani e donne incinte. E a questo punto il rischio è che si apra la strada a valutazioni di natura scientifica da condursi all’interno delle aule di tribunali. Circostanza rispetto alla quale in Italia c’è un precedente poco edificante, legato ai vaccini. Con tribunali che hanno riconosciuto indennizzi per danni da vaccino senza alcuna base scientifica.

Possibile, dunque, che si arrivi a situazioni nelle quali “la procura avrà un suo consulente che afferma l’esistenza dell’effetto psicotropo. La difesa avrà il proprio che invece la nega”. Per quanto ad oggi la giurisprudenza vada in una direzione opposta a quella del Css. “Finora tutti i sequestri sono stati restituiti nel momento in cui si è accertata una concentrazione fino allo 0,6%. Le procure hanno messo su bianco che, secondo la medica internazionale, non si ha alcun effetto psicotropo”.

Ma non è tutto. “Il Consiglio superiore di sanità ha evocato il principio di prevenzione. Ha cioè citato il diritto alla salute della collettività e presumendo che il singolo si ponga alla guida in uno stato di alterazione”. Ovvero, in altre parole, affermando che chi fuma poi sale in macchina sotto effetto degli stupefacenti. “Si tratta dell’utilizzo di uno strumento preventivo in modo irragionevole. Allo stesso modo allora dovremmo togliere dai supermercati tutti i vini con un valore alcolemico superiore al 9%.

C’è poi un’ulteriore circostanza. Non più tardi del 22 maggio, il ministero per le Politiche agricole ha emanato una circolare rispetto alle modalità di della “La nota affermava che le possono circolare. E non stiamo parlando di mille anni fa. Predicare il contrario a distanza di 20 giorni mi sembra esagerato. considerando che lo Stato italiano sta incassando milioni di euro dagli imprenditori del settore”. Ovviamente sotto forma di tasse.

NOTIZIA COLLEGATA
Cannabis light no. Alcol psicofarmaci e sigarette sì. La schizofrenia dello Stato

Già, perché la questione è anche economica. In ballo ci sono posti di lavoro, fatturati ma anche flussi di denaro sottratti alla criminalità. “È chiaro che togliere la cannabis light fa felici le mafie. Averla a disposizione finisce per abbassarne il prezzo sul mercato nero, comunque illegale”.

Insomma, all’atto pratico il parere del Consiglio superiore di sanità non cambia le cose. La stessa ministra della Salute Giulia Grillo ha affermato di non avere intenzione di cambiare la legge. Dovesse accadere, gli avvocati dei produttori hanno già diversi argomenti da utilizzare per far valere le proprie idee.

fonte: https://www.wired.it

Rate this post