cannabis introvabile
introvabile in farmacia a

Aumenta la richiesta dei malati ma dal novembre scorso è introvabile. Il dottor Ternelli: «Il ministero della non ne importa abbastanza»

Cannabis introvabile : «È una vergogna che, dalla fine di novembre del 2017, nei laboratori di alcune farmacie della nostra provincia siano finite le scorte di cannabis. Come me, ci sono molti pazienti disperati in cura con cannabis».

Così ci scrive una nostra lettrice. Tutto assolutamente vero. Tutto assolutamente grave. A confermarlo è il dottor , tra i soci fondatori di Farmagalenica Snc e farmacista responsabile del laboratorio della Farmacia Dr. Ternelli di Bibbiano dove quattro farmacisti lavorano costantemente per la preparazione di farmaci magistrali e officinali.

Nel 2013, la farmacia di Bibbiano è stata tra le prime in Italia a esporre la cannabis olandese sugli scaffali: nel 2016 ne ha venduti oltre 10 chilogrammi ed è tuttora il punto di riferimento per pazienti, e farmacie, di tutta Italia. «Il problema esiste – conferma il dottor Marco Ternelli – anche se è parzialmente in fase di risoluzione. Ma probabilmente si ripresenterà».

NOTIZIA COLLEGATA
Alto Adige, cannabis terapeutica gratis per i pazienti

Cosa la rende così sicuro?

«Il fatto è che la cannabis ci arriva quasi esclusivamente dall’Olanda che ha però un massimale: non ne esporta più di 250 chilogrammi all’anno per Paese europeo. Ebbene, di fronte a un notevole aumento delle richieste, a novembre l’Olanda avendo superato il massimale ha chiuso i rubinetti. E così a novembre e dicembre la cannabis ad uso terapeutico era introvabile. Proprio in questi giorni il contatore della cannabis importata dall’Olanda sarà azzerato e potremo ricominciare ad importare».

Come se ne esce?

«Sicuramente non se ne esce se non si cambia strategìa. Innanziutto il italiano l’anno scorso aveva chiesto all’Olanda 200 chilogrammi di cannabis sottovalutando la reale necessità. Cercando di correre ai ripari, ma in ritardo, il Ministero ha fatto un bando per importare la cannabis da altri paesi facendo un’ al ribasso: da quest’anno potremo quindi importare anche 100 chilogrammi di cannabis dal . Ma considerando i tempi del Ministero, chissà quando potrà arrivare. E basta fare due calcoli per immaginarci che, a metà dell’anno saremo già daccapo».

Di fronte all’aumento dei malati che chiedono di essere curati con la cannabis, e a cinque anni dall’entrata in vigore della legge che permette alle farmacie di vendere cannabis ad uso terapeutico, come siamo mesi in Italia?

NOTIZIA COLLEGATA
La bufala della marijuana light trasformata in erba da sballo

«Parlano i numeri. A livello nazionale su 18mila farmacie sono 600 quelle in cui il paziente può trovare la cannabis. A Reggio non più di due».

 

1 COMMENT

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.