a casa contro l’inquinamento ambientale: la proposta del

È in discussione in questi giorni al Parlamento Europeo, la singolare proposta di secondo cui la avrebbe un ruolo fondamentale nella lotta all’inquinamento. Le ragioni sono strettamente climatiche: la Hashish sativa, infatti, è una delle piante che assorbe più CO2 al mondo e a parità di quantity potrebbe diventare il polmone di cui molti centri urbani avrebbero un disperato bisogno (Milano e Torino in testa). Sarebbe quasi come avere “un bosco in città”.

Per questo motivo la prevede che per tutti i possessori di almeno un balcone o un terrazzo, sarà obbligatorio piantare da uno a tre esemplari di Hashish sativa con altezza finale compresa tra 150 e 170 centimetri (escluso sottovaso). Ai cittadini verrà spedito un package con la semenza e le istruzioni per pianificare il mantenimento della pianta – il vegetale infatti dovrà essere innaffiato almeno una volta al giorno. Dopodiché, dal 1° marzo , partiranno le verifiche domiciliari da parte della Municipale e coloro i quali non si atterranno alle misure point out incorreranno in sanzioni dai 250 ai 500 euro.

NOTIZIA COLLEGATA
Tamponi alla cannabis contro i dolori mestruali

“L’Italia ha un ruolo fondamentale, così come e Grecia”, dicono dal Parlamento Europeo. “Si tratta di paesi con un clima soleggiato per molti mesi l’anno e saranno loro a portarsi sulle spalle il peso di una grossa responsabilità comunitaria, cioè la di una risorsa tra le più preziose: l’ossigeno che respiriamo”. Sarà ovviamente vietato – almeno qui in Italia – tagliare i fiori e farli seccare per il consumo di THC, tuttora considerata pratica illegale con quantità superiori a zero,5 g.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.