cannabinoidiI potrebbero essere efficaci per le del sonno

Il , un THC sintetico che ha lo scopo di imitare gli effetti del THC naturale ricavato dalla , ha mostrato di essere efficace contro le apnee ostruttive del sonno in uno studio pubblicato sulla Sleep.

La molecola potrebbe quindi rappresentare il primo approccio farmacologico a questa condizione difficile da trattare e potenzialmente molto pericolosa, per la quale ad oggi non esistono trattamenti farmacologici approvati.

Nel loro studio, gli esperti del Northwestern Medicine Sleep Disorders Center di Chicago hanno assegnato 73 adulti con apnee ostruttive del sonno moderate o severe a ricevere placebo o 2,5 o 10 mg di dronabinol al giorno, somministrato un’ora prima di andare a dormire per un periodo di sei settimane.

Al basale, l’indice apnea-ipopnea (AHI) era pari a 25,9 ± 11,3, il punteggio della scala Epworth Sleepiness Scale (ESS) era pari a 11,45 ± 3,8, il risultato medio del Test di mantenimento della vigilanza (MWT) era pari a 19,2 ± 11,8 minuti, il BMI era pari a 33 ± 5,4 kg/m2 e l’età media era pari a 53,6 ± 9,0 anni.

Il numero e la severità degli eventi avversi durante lo studio e l’aderenza al trattamento erano equivalenti tra tutti i gruppi di trattamento. I partecipanti trattati con 10 mg/die di dronabinol hanno espresso la maggior soddisfazione con il trattamento (P=0,4). Rispetto al placebo, il farmaco ha ridotto in modo dose dipendente l’indice AHI di 10,7 ± 4,4 (p=0,02) e di 12,9 ± 4,3 (p=0,003) eventi/ora alla dose da 2,5 e 10 mg/die, rispettivamente. Il farmaco alla dose da 10 mg/die ha ridotto il punteggio ESS di -3,8 ± 0,8 punti dal basale (P<0,0001 e di -2,3 ± 1,2 punti rispetto al placebo (P=0,05).
Il punteggio MWT, l’architettura del sonno e i parametri di ossigenazione durante la notte sono rimasti invariati rispetto al basale in qualsiasi gruppo di trattamento.

“La maggior parte dei pazienti con apnee ostruttive del sonno presenta un numero significativo di disordini respiratori durante il sonno non REM e REM. Pertanto, qualsiasi intervento terapeutico efficace dovrebbe essere in grado di controllare la respirazione disordinata durante tutti gli stadi del sonno. In questo studio abbiamo osservato diminuzioni significative correlate al dronabinol degli eventi respiratori disordinati durante il sonno sia non REM che REM “, spiegano i ricercatori.

NOTIZIA COLLEGATA
Effetto entourage: cannabinoidi e terpeni agiscono insieme

“Questo è uno studio di fase II e quindi non è possibile definire come potrebbe essere utilizzato il farmaco in contesti clinici. Sono necessari studi più ampi che possano essere generalizzati all’intera popolazione di pazienti con apnee ostruttive del sonno, anche  ai soggetti che non possono o non riescono ad utilizzare la CPAP”, concludono gli esperti.

Et al., Pharmacotherapy of Apnea by Cannabimimetic Enhancement, the PACE Clinical Trial: Effects of Dronabinol in Obstructive Sleep Apnea, Sleep Volume 41, Issue 1, 1 January 2018

Create your own user feedback survey

Rate this post